Cos’è il bonus terme?

Il Bonus Terme è stato istituito con un decreto del Ministero dello Sviluppo Economico pubblicato in Gazzetta ufficiale lo scorso 5 agosto, esso nasce con l’obiettivo di incentivare i servizi nei centri termali accreditati. Il bonus terme nasce per fornire un sostegno al settore termale, duramente colpito durante la pandemia e per offrire una possibilità ai cittadini di usufruire dei servizi termali in modo gratuito attraverso l’utilizzo voucher dal valore di 200 euro.

Il Bonus terme è un’agevolazione che il cittadino può beneficiare prenotando i servizi termali di proprio interesse presso uno stabilimento termale prescelto. Il bonus terme copre fino al 100% del servizio acquistato, fino a un valore massimo di 200 euro. L’eventuale parte eccedente del costo del servizio è a carico del cittadino.

Ai fini dell’ammissibilità al beneficio, i servizi termali non devono essere già a carico del Servizio Sanitario Nazionale, di altri enti pubblici ovvero oggetto di ulteriori benefici riconosciuti all’utente.

Il Bonus non è cedibile a terzi, né a titolo gratuito né in cambio di un corrispettivo in denaro, inoltre non costituisce reddito imponibile e non rileva ai fini del computo del valore ISEE.

Bonus terme 2021: come funziona?

Il Bonus terme sarà disponibile a partire dalla pubblicazione dell’avviso di apertura delle prenotazioni sui siti del Ministero e di Invitalia, fino all’esaurimento delle risorse stanziate. La misura prevede un bonus di copertura fino al 100% del servizio acquistato, fino a un massimo di 200 euro. L’eventuale parte eccedente del costo del servizio resta ovviamente a carico del cittadino.

In altre parole, il bonus terme copra fino ad un massimo di 200 euro del costo del trattamento. Se la cifra spesa sarà inferiore o uguale a 200 euro, la percentuale di sconto sarà del 100%. Qualora il prezzo del servizio supererà i 200 euro, sarà l’utente a pagare la differenza.

Invitalia, fornirà indicazioni precise sulle modalità di prenotazione, che dovranno essere effettuata presso lo stabilimento termale accreditato, che provvederà a rilasciare un attestato di prenotazione. La prenotazione ha un termine di validità di 60 giorni dalla sua emissione e i servizi prenotati dovranno essere usufruiti entro tale termine.

A chi si rivolge il bonus terme?

Il bonus terme si rivolge a tutti i cittadini maggiorenni residenti in Italia, senza limiti legati al nucleo familiare e senza limiti di ISEE. Ciascun cittadino potrà usufruire del voucher una sola volta. Inoltre, il voucher non è cedibile a terzi, né a titolo gratuito né in cambio di un corrispettivo in denaro.

Qual è il periodo di validità dopo la sua emissione?

La prenotazione ha un termine di 60 gg dalla sua emissione, dopodiché il voucher non sarà può utilizzabile e le risorse torneranno a disposizione nel plafond generale. Una volta usufruito il buono, l’istituto termale presso il quale il cittadino ha fruito i servizi termali provvederà a richiedere a Invitalia, il rimborso del valore del buono utilizzato dal cittadino.

Quando sarà possibile prenotare il proprio bonus terme?

Le risorse stanziate per il bonus termale sono ad esaurimento, pertanto occorre essere celeri ad effettuare la prenotazione. Nelle prossime settimane (da circa metà Ottobre, ed entro la fine dell’anno) Invitalia, dopo aver completato la procedura di accreditamento per le strutture termali, fornirà indicazioni precise sulle modalità di prenotazione. Considerate le risorse economiche messe a disposizione dal Mise sono limitate (si tratta di 53 milioni di euro, per un totale, approssimativamente, di 250mila voucher), molto probabilmente ci sarà un click day.

Come farne richiesta

Il buono può essere richiesto una volta sola, quindi meglio informarsi per tempo sui costi dei servizi, magari acquistando un pacchetto piuttosto che un trattamento singolo. Il bonus è nominale, non può essere ceduto in nessun caso a terzi, nemmeno a titolo gratuito. Per ottenere il bonus terme bisogna prenotare un trattamento in uno dei centri termali accreditati presso Invitalia.

Il ruolo dei centri termali

Sarà compito della struttura verificare, tramite il portale, che non esistano altre prenotazioni a nome dello stesso utente e prenotare il buono. In base ai fondi residui, Invitalia rilascia al centro termale un documento contenente le informazioni sulla prenotazione dei servizi termali da parte dell’utente e il codice univoco della prenotazione. Dopo l’approvazione del bonus, la cui conferma avviene tramite comunicazione via email o di persona da parte del centro termale, chi richiede il bonus terme ha 60 giorni dalla data di emissione per utilizzarlo. Se il buono non viene utilizzato entro questo termine decade automaticamente e l’importo torna disponibile nel fondo. I centri termali devono emettere fattura per il servizio erogato con l’indicazione del codice identificativo univoco della prenotazione del bonus.

Bonus terme: quali trattamenti sono esclusi

Il bonus terme non ha limiti in base alla tipologia di servizio termale richiesto. L’unica discriminante è che il trattamento richiesto non debba essere già a carico del Servizio sanitario nazionale, di altri enti pubblici oppure oggetto di ulteriori benefici riconosciuti all’utente. Ricorda infine che, per il servizio eventualmente non coperto dal bonus, puoi contare sulla possibilità di detrarre i trattamenti termali.

> B O O K I N G <